ad>

Racconta il tuo Palaronda Trek su Instagram

Pubblica le foto del tuo Trekking utilizzando l'hashtag #palarondatrek e menzionando il nostro profilo @palarondatrek e condividi con noi e i tuoi amici la ta esperienza!

Instagram @palarondatrek

Seguici su Instagram

 

Le prime Guide Alpine

Le prime Guide Alpine


La stagione dell’alpinismo ha inizio sulle Pale di San Martino grazie ai primi pionieri europei, soprattutto tedeschi e inglesi che negli ultimi secoli dell’Ottocento cominciarono ad esplorare il Gruppo delle Pale  e a cimentarsi in ascensioni e scalate. I primi pionieri-alpinisti, non conoscendo però le particolarità del territorio e le difficoltà tecniche soprattutto in quota, si affidarono ovviamente a personaggi locali, che quelle montagne le conoscevano bene: pastori o cacciatori di camosci o capre, che per lavoro si spingevano quotidianamente ad altitudini considerevoli, attraverso sentieri aperti da loro stessi, nel corso del tempo.

Durante i primi anni addirittura solo qualche giovane dal vicino agordino si spinse in Primiero per fare da accompagnatore, e solo negli anni successivi anche i primierotti come Giuseppe Zecchini, Bortolo Zagonel, Antonio Tavernaro cominciarono a fare da guide. Come Michele Bettega, giovane pastore al servizio della famiglia Ben che gestiva l’albergo Alpino a San Martino di Castrozza, che cominciò su richiesta ad accompagnare gli ospiti dell’albergo sulle cime. Dopo qualche tempo, viste anche le laute mance degli stranieri, Bettega cominciò a dedicarsi solo all’attività di guida, cimentandosi in ascensioni sulle Pale ma anche sulle catene di Fassa, Gardena, in Tirolo e in Svizzera: lui, come le altre guide, non perse nonostante tutto il suo genuino e schivo spirito di uomo di montagna, guadagnandosi insieme agli altri, l’appellativo di “Aquile di San Martino”, nome tuttora in uso per le guide locali.

Ogni guida, a garanzia di serietà e della propria preparazione, aveva un proprio libretto su cui ogni cliente, al termine dell’escursione, poteva scrivere impressioni e valutazioni sulla condotta dell’accompagnatore, per raccomandarla ai futuri scalatori: questi libriccini, conservati ancor oggi, sono delle splendide testimonianze delle prime ascensioni sulle Pale, a memoria di una conquista silenziosa, molto, forse troppo spesso attribuita solo a pionieri stranieri.