ad>

Racconta il tuo Palaronda Trek su Instagram

Pubblica le foto del tuo Trekking utilizzando l'hashtag #palarondatrek e menzionando il nostro profilo @palarondatrek e condividi con noi e i tuoi amici la ta esperienza!

Instagram @palarondatrek

Seguici su Instagram

 

Palaronda Hard Trek NORD

Trekking di 4 giorni / 3 notti nella parte Nord delle Pale di San Martino

Questo trekking è rivolto agli amanti delle ferrate, persone quindi allenate e abituate a muoversi su sentieri attrezzati e percorsi esposti di media difficoltà. A differenza della versione completa del Palaronda Hard Trek, questo percorso è stato studiato in modo tale da percorrere le ferrate più suggestive ed emozionanti della parte settentrionale del gruppo delle Pale di San Martino, pernottando in due dei cinque Rifugi delle Pale.

GIORNO 1


San Martino di Castrozza – Rifugio Rosetta (SAT)

Dislivello: in salita 1100 m / in discesa 0 m

Tempo medio di percorrenza: 3,30 ore

Cena e pernottamento: Rifugio Rosetta (SAT)


Da San Martino di Castrozza si sale in quota nella suggestiva zona dell’altopiano delle Pale servendosi degli impianti di risalita Colverde – Rosetta o in alternativa a piedi in circa 3 ore, seguendo il sentiero 701. Una volta raggiunto l’Altopiano delle Pale, si procede in direzione del Rifugio Rosetta (SAT), dov’è previsto il primo pernottamento. Per chi lo desidera, dal Rifugio è possibile raggiungere una delle cime che si trovano nei pressi del Rifugio (Cima Corona, Cima delle Scarpe, Cima di Roda) chiedendo consiglio al gestore.

GIORNO 2


Ferrata Bolver Lugli e ritorno al Rifugio Rosetta (SAT)

Dislivello: in salita 1000 m / in discesa 1000 m

Tempo medio di percorrenza: 8 ore

Cena e pernottamento: Rifugio Rosetta (SAT)


Dal Rifugio Rosetta (SAT) si scende verso San Martino di Castrozza seguendo il sentiero 701 e tenendo poi la destra lungo il sentiero 712 in direzione Passo Rolle, fino a raggiungere l’imbocco della ferrata Bolver Lugli. Imboccata la ferrata, in poco più di 2 ore si raggiunge la spalla del Cimon dela Pala ed il bivacco Fiamme Gialle, a quota 3005 m s.l.m. Dal bivacco, si scende seguendo il sentiero 716 che dal Passo del Travignolo scende lungo la Val dei Cantoni e risale poi al Passo Bettega, per completare l’anello arrivano al Rifugio Rosetta (SAT).

GIORNO 3


Rifugio Rosetta (SAT) – Rifugio Mulaz (CAI Venezia)

Dislivello: in salita 750 m / in discesa 760 m

Tempo medio di percorrenza: 4 / 5 ore

Cena e pernottamento: Rifugio Mulaz (CAI Venezia)


Dal rifugio Rosetta si segue il sentiero 703 “delle Farangole” fino al “pian dei Cantoni” (2300 m s.l.m.) passando a est del massiccio del Cimon della Pala (3184 m s.l.m.) e della cima Vezzana (3192 m s.l.m.). Con alcuni tratti attrezzati si passa la Val delle Galline per proseguire, sempre in attraversata, sovrastando la val delle Comelle. Si incontra, quindi, la traccia che risale sulla sinistra la val Strutt fino al bivacco Brunner (2750 m s.l.m.). Lasciata questa traccia si prosegue entrando nel circo della cima di Valgrande (3038 m s.l.m.) e passando sotto alla torcia di Valgrande e si risale un ripido canale attrezzato che porta al passo delle Farangole (2814 m s.l.m.) sovrastato a destra dal campanile del Focobon (2969 m s.l.m.) e a sinistra dalla torre Viennese (2900 m s.l.m.). Dal passo si scende quindi lungo un sentiero attrezzato verso destra alla forcella Margherita (2655 m s.l.m.) e da qui, in breve, si giunge al rifugio Mulaz (2571 m s.l.m.).

GIORNO 4


Rifugio Mulaz (CAI Venezia) – San Martino di Castrozza

Dislivello: in salita 200 m / in discesa 1120 m

Tempo medio di percorrenza: 4 / 5 ore, 7 ore in caso di ritorno per Laghi di Colbricon

Pernottamento: non incluso, rientro a San Martino di Castrozza


Dal rifugio Mulaz si risale al passo del Mulaz (2610 m s.l.m.). Poco prima del passo, con una facile salita di circa 45 minuti, è possibile raggiungere la cima del Mulaz (2906 m s.l.m.), ottimo punto panoramico. Ritornati al passo, si scende verso la val Venegia lungo il sentiero 710 “Quinto Scalet”, sovrastato dal campanile di Valgrande (2995 m s.l.m.), dalla cima di Valgrande (3038 m s.l.m.) e dalla cima dei Bureloni (3130 m s.l.m.), e si arriva al campigol della Vezzana, sotto all’omonima cima e alle sorgenti del Travignolo. Da qui si risale verso la baita Segantini (2170 m s.l.m.) dove è possibile scendere al passo Rolle con il servizio navetta e a San Martino di Castrozza con servizio pubblico. In alternativa, è possibile scendere al Passo Rolle e proseguire in direzione Laghetti del Colbricon per il sentiero 14-384, e scendere poi a San Martino di Castrozza percorrendo la Val Bonetta passando per Malga Ces.

Pacchetto da €

160

comprensivo di

▪          4 giorni di mezza pensione nei Rifugi delle Pale di San Martino

▪          1 pass per gli Impianti di Risalita Colverde – Rosetta

▪          1 present da parte dei Rifugi che verrà consegnato al termine del trekking

▪          materiale informativo e carta dei sentieri

Per informazioni e prenotazioni:

Azienda per il Turismo San Martino di Castrozza

Telefono: (+39) 0439 768867

Mail: booking@sanmartino.com

Richiedi informazioni o prenota il Trekking:

Nome e Cognome

Indirizzo Mail

Il tuo messaggio